Perchè il Cotone Biologico

Ma chi lo ha detto che il cotone non è un materiale tecnico?

Ammettiamolo il cotone ha molti difetti ed il peggiore è probabilmente quello di asciugarsi molto lentamente!

Il cotone è costituito principalmente da cellulosa (circa 95%) ed assorbe sino al 15% del proprio peso in acqua! Ma se il cotone assorbe molto bene l’acqua assorbe anche il sudore lasciando la pelle piacevolmente asciutta.
Peccato però che il cotone non rilasci la quantità di acqua assorbita con la stessa rapidità con cui l’assorbe e questo sottrae calore allo strato d’aria a contatto con la pelle!

Questo è il motivo per cui non appena ci si ferma e si smette di sudare si ha l’impressione di gelare!

In particolari circostanze come ad esempio quando dopo aver sudato cala la temperatura, si alza il vento o si è costretti a rimanere fermi a lungo, non c'è nulla di peggio che aver addosso una maglietta di cotone bagnata di sudore (poiché favorisce una rapida perdita di calore corporeo) !

Berretto in cotone organico fatto a mano

Per questo motivo, il cotone trova poco spazio nell'abbigliamento sportivo invernale e in generale nel vestiario per montagna.

Se il cotone ha molti difetti, ha però anche molti pregi che proveremo ad elencare:

  • Innanzitutto il cotone è ipoallergico, provoca cioè molto raramente allergie in chi lo indossa;
  • Assorbe bene il sudore ed è traspirante e permeabile all’aria;
  • Al contatto con la pelle è difficile trovare materiale più gradevole e morbido;
  • Disperde il calore corporeo rapidamente;
  • Sviluppa difficilmente cattivi odori;
  • E’ un filato resistente;

Tutte queste caratteristiche lo rendono ideale per capi di abbigliamento estivo!

Per capire meglio come mai il cotone sia ipoallergico e soprattutto non produca cattivi odori (se non dopo molti giorni) bisogna confrontare la fibra del cotone con le fibre e le microfibre sintetiche.


In ambito sanitario la microfibra è utilizzata per produrre panni cattura sporco per igienizzare le superfici. La principale caratteristica delle microfibre, infatti, è quella di riuscire a catturare lo sporco, gli acari e la polvere con facilità.
Questa caratteristica è dovuta al fatto che le microfibre sono più sottili e leggere permettono di catturare e rilasciare micro particelle di liquidi più rapidamente, i liquidi catturano lo sporco e le fibre lo intrappolano lasciando evaporare rapidamente i liquidi.

Tornando all’abbigliamento è evidente che se la caratteristica di rapida essiccazione ne fanno i filati più adatti per le attività aerobiche e sportive in genere è chiaro che la facilità con cui ospitano sporco e colonie batteriche rappresenta un inconveniente nel momento in cui questi filati sono a contatto con la nostra pelle.

cotone versus micro fibra

Micro Fibra versus fibra di Cotone

I filati sintetici generano cattivi odori, allergie, infezioni micotiche. Insomma i prodotti sintetici (ne esistono tanti con caratteristiche molto differenti l’una dall’altra … leggi qui per maggiori informazioni ) hanno tanti pregi .... ma sicuramente non rappresentano i migliori filati da tenere a lungo a contatto con la pelle.

Inutile ricordare poi che mentre i prodotti sintetici devono essere smaltiti nei prodotti indifferenziati il cotone, come la lana e tutti i filati naturali, sono biodegradabili!

Puntando sugli aspetti di questo materiale abbiamo deciso di realizzare dei berretti in cotone organico da utilizzare nelle stagioni meno fredde da fine primavera ad inizio autunno.

Si tratta di berretti senza fascia interna, altamente traspirabili, che possono rappresentare un’ottima alternativa alla lana o alle fibre sintetiche, nei periodi non eccessivamente freddi.

Un prodotto da mettere in una tasca dello zaino anche nei periodi estivi, che può essere indossato all’occasione di un improvviso calo delle temperature così freguenti in montagna, oppure in caso di un bivacco o comunque in tutte le occasioni dove ci sia bisogno di coprire il capo per evitare una dispersione termica che non sia eccessiva.

Tutti i nostri prodotti sono realizzati a mano, uno ad uno nel quadro di un progetto di manifattura diffusa  utilizzando cotone biologico organico tinto con prodotti naturali senza l’uso di cloro (vedi tutti i nostri berretti in cotone organico fatti a mano)

Berretto Cotone Organico Elbec

Oltre ai berretti fatti a mano abbiamo anche messo in produzione (questa volta i manufatti sono industriali e non artigianali) una serie di T-Shirt con messaggi ambientali che a noi sembrano importanti!

Anche le nostre magliette sono realizzate rigorosamente con cotone organico!

Noi in caso di bivacchi o pernotti nell’ambito di spedizioni a bassa e media quota e mai in condizioni estreme consigliamo sempre di rimuovere l’abbigliamento tecnico e sostituirlo con un prodotto naturale in modo da permettere alla pelle di respirare.

Sempre meglio avere una maglietta di cotone nello zaino quando si pensa di organizzare escursioni di più giorni!

Tutto il il cotone che utilizziamo è rigorosamente Organico!

Che cosa è il cotone organico ?

Il cotone biologico detto anche organico è un filato prodotto da piante coltivate senza l’uso di fertilizzanti e diserbanti chimici, pesticidi ne altre sostanze tossiche nocive per l’ambiente e per la salute umana, sostanze che vengono comunemente utilizzate sia nella coltivazione del cotone, sia nei successivi stadi della produzione.

Il cotone organico inoltre non deve provenire da sementi geneticamente modificate (OGM).
In Europa, la normativa che regola la produzione di cotone biologico è il regolamento CE n°834/2007 del 28 giugno 2007.
Il cotone organico è certificato da organismi terzi che si occupano di verificare che i produttori utilizzino le stesse metodologie agricole delle coltivazioni biologiche.
Il cotone biologico è certificato da organizzazioni internazionali a tutela ambientale e sociale, ma la certificazione più diffusa su scala globale è sicuramente il GOTS -- Global Organic Textile Standard, un’etichetta che svolge un ruolo davvero importante quando si parla di moda sostenibile, e che possiamo trovare anche su altri tessuti naturali: lino, seta, canapa e lana biologica.

cotone biologico berretti e magliette
Fiocchi di cotone non trattati

Allo stato attuale la percentuale di cotone organico rappresenta circa il 2% della produzione mondiale e si concentra principalmente nei paesi in via di sviluppo che cercano di discostarsi dai due grandi colossi mondiali quali USA e Cina che occupano il restante 98%.


Un’altra caratteristica interessante del cotone organico è che i suoi semi vengono utilizzati per l’alimentazione animale e la produzione di olio.

La coltivazione di cotone biologico è sostenibile per l’ambiente ed etico sotto l’aspetto sociale.

Quali sono le principali differenze fra cotone biologico e cotone standard?

Per rispondere a questa domanda rimandaimo al sito www.vestilanatura.it che ha analizzato la questione in modo ineccepibile riassumendo i vantagi e gli svantaggi in una immagine molto parlante che troverete alla fine del testo:

“L’inquinamento ambientale, causato dalla coltivazione del cotone standard, è chiaramente più grave nei paesi in via di sviluppo, dove regna la disinformazione, oltre alla scarsità di leggi nazionali che tutelino ambiente e lavoratori.

Gli agricoltori sono costretti ad inquinare la loro terra, la stessa terra che procura il loro cibo, e la loro acqua, quella che usano per dissetarsi.

Spesso si ammalano e a volte muoiono proprio a causa delle lunga esposizione alle sostanze tossiche.

Spendono soldi per acquistare fertilizzanti, pesticidi, e altri prodotti chimici, e quello che avanza lo usano per curare se stessi e la propria famiglia.

Un altro fattore che rende la coltivazione intensiva di cotone una scelta socialmente sbagliata.

Chiaramente, ci riferiamo anche ad altri modelli di agricoltura intensiva, che riteniamo fondamentalmente sbagliati.

La salute umana è pesantemente influenzata dall’esposizione quotidiana a queste sostanze nocive, soprattutto laddove non vengono utilizzate maschere di protezione, o altri accorgimenti di sicurezza.

La coltivazione di cotone bio tutela quindi l’ambiente, ma allo stesso modo tutela anche gli esseri umani che lavorano in questo settore.”

cotone biologico a confronto con cotone standard

Perché scegliere il cotone biologico?

Rispondere a questa domanda a questo punto risulterà semplice poiché il cotone organico è vincente sotto ogni aspetto, da quello ambientale a quello sociale.


Alcune note marche di abbigliamento che utilizzano filati biologici di cotone preferiscono attrarre i consumatori con argomenti  più seducenti quanto falsi come quello di sostenere che il cotone biologico abbia caratteristiche tecniche migliori, che sia più traspirante o che assorba meglio il sudore!

Sicuramente possiamo affermare che l’assenza di trattamente chimici influisce in modo evidente sulle caratteristiche ipoallergiche ma le altre affermazioni sono semplici operazioni di marketing.

Decidere di indossare un abbigliamento biologico che è stato realizzato con attenzione nei riguardi della salute dei produttori e degli utilizzatori,  è una scelta di vità che riguarda il nostro modo di porci nei confronti del pianeta e delle generazioni future.

Acquistando capi di abbigliamento organico diamo il nostro contributo alla salvaguardia dell’ambiente cercando di contribuire alla riduzione degli impatti ambientali e sociali che ogni tipo di produzione e di attività umana genera irrimediabilmente

Elbec
#escidalsentierotracciato

Condividi questo articolo
Federico Sordini CEO ELBEC profilo
Questo sono io...

ELBEC viene fondata nel 2015 da me, Federico Sordini, architetto laureato a Parigi e specializzato in architettura sostenibile a Losanna. Collaboro con le principali organizzazioni non governative internazionali in progetti di emergenza, post urgenza e sviluppo che mi portano a stretto contatto dei conflitti e delle maggiori calamità del nuovo millennio.

Iscriviti alla nostra NEWSLETTER e ottieni
uno SCONTO DEL 10% sul primo acquisto